attualità Italia

L' Italiano medio

mercoledì, settembre 25, 2013Daniela M

No, non è il titolo della canzone degli Articolo 31..


È una riflessione personale.
Non mi piace parlare male dell'Italia e ho il brutto vizio ( lo ammetto ), di non sopportare chi critica il piatto in cui mangia e si strafoga.

Però le critiche ci stanno tutte.
Ormai mi pare di vivere in un film, in cui hai la consapevolezza, grave peraltro, di esser solo una pedina manovrata dall'alto.

Telegiornali che lanciano informazioni pilotate per far apparire lo Stato corretto e giusto, uno Stato con la S maiuscola che eleva i più meritevoli e punisce gli evasori.

Il problema è che non è così.
Corruzione è la parola d'ordine. Talmente intrisa in ciò che accade tutti i giorni da non rendersene neanche più conto.

Viviamo in un'economia fatta per esser evasa, e la cosa che più mi infastidisce è che a farne le spese, sono come sempre i più deboli, ovvero le persone "normali", la brava gente, quella che non ha le mani in pasta .

Odio questi soprusi.
Ma la cosa che odio più di tutte è la consapevolezza che tanta, troppa gente parla e si lamenta, ma ciascuno, nella propria dimensione pensa a tirare l'acqua al proprio mulino, e soprattutto a fregare il prossimo, e trovare l'escamotage per bypassare la legge.

Odio la gente che piange sempre ( nel senso lato ovviamente ).

Che tristezza.
È possibile che di persone corrette ce ne siano così poche in Italia?

La nostra situazione economica ne è soltanto il riflesso.
Non bisogna lamentarsi delle personalità ai piani alti quando le persone nella quotidianità si comportano nella stessa medesima maniera. 

L'ho già detto e ridetto, ma il problema di questo paese siamo NOI italiani, popolo opportunista .

Questa estate ho letto per la prima volta Gomorra.
Forse era meglio non lo avessi mai fatto! 
Mi ha ampliato gli orizzonti e aumentato conoscenze di una realtà così chiaccherata e al tempo stesso nascosta : la Camorra.

Anche qui, ma è possibile essere così omertosi?! 
Sia a livello di istituzioni che di popolo, dico io, ma è possibile che si debba parlare dei rifiuti e del triangolo della morte soltanto per roghi accesi e la supposizione che esalino sostanze tossiche??!
Quando sono anni e anni che se ne parla e non se ne è mai fatto nulla?!

Non voglio neanche entrare nel merito di certe questioni, riguardanti l'industria manifatturiera cinese/italiana di contraffazione e la droga.
Fa comodo a tutti che queste cose coesistano.

No comment.
Questo spaccato dell'Italia mi lascia tanta amarezza.Troppa.

You Might Also Like

41 commenti

  1. Condivido tutto, cara Dm,a parte che la colpa e il problema siamo noi. Non farti fregare dall'effetto Rosenthal ;-) che spiego nel mio blog così: "Si tratta di un effetto riscontrato in psicologia, sociologia, statistica. Grossolanamente, la vostra previsione o disposizione d'animo influenzerà in parte il corso degli eventi. Oppure il vostro giudizio sugli altri orienterà in parte il modo degli stessi di comportarsi e di percepire/costruire la loro identità. Nella fiaba, gli italiani credono di essere dei buoni a nulla, finché un assurdo motivetto inizia a vagare per lo stivale...".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eheheheh e brava Manuela :) .. non la vedevo così prima.. ma ora sono così pessimista quando sento certe cose.. forse la gente aspetta un segnale dall'alto per iniziare ad esser corretti ?!! non lo so...

      Elimina
    2. Commento interessante, una prospettiva un po' diversa da cui guardare la situazione.

      Elimina
    3. eh si.. bisogna capire dove sta la verità!

      Elimina
  2. che dire, di un post così?
    il tuo malessere ci accomuna un po tutti, ormai...
    ed io lavoro con le amministrazioni pubbliche e delle volte la nausea che mi prende alla bocca dello stomaco è tale che spaccherei tutto...
    ed ho paura per le generazioni future ed un po -tanto- anche per la mia, di generazione...
    e vorrei una soluzione, ma ogni volta che ci penso, finisco come tu hai finito il tuo post: constatando l'amarezza....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sembra quasi non esserci una soluzione in una situazione del genere...

      Elimina
  3. non ne parliamo per favore. ieri guardando le Iene in tv mi è venuto l'urto del vomito!
    Lo Stato che approva una discarica accanto all'ILVA, peggiorando una situazione già molto molto critica. I carabinieri che parcheggiano sulle strisce pedonali..
    Ma dove finiremo? O,O

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non lo so.. siamo oltre la frutta!!!!

      Elimina
  4. e sale la voglia di abbandonare il Bel Paese..
    bellissime riflessioni :)

    RispondiElimina
  5. E' un lato del nostro Paese con cui dobbiamo sempre scendere a compromessi...

    Moz-

    RispondiElimina
    Risposte
    1. sarebbe bello che non ci fossero compromessi di un certo tipo.. invece sono sempre stati troppi ed eccoci così..

      Elimina
  6. Concordo pienamente: il problema di certe nostre cose siamo proprio noi italiani. Te ne accorgi parlando un po' con persone diverse e capisci perché il paese va così.
    La cosa che più mi infastidisce è la mancanza totale di senso civico e rispetto...fa paura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. hai preso in pieno il mio pensiero!

      Elimina
  7. Siamo un popolo moderno e democratico ê vero, ma ancora dobbiamo tanto camminare....per raggiungere una vera e giusta democrazia ! Spero nelle nuove generazioni.....
    Un abbraccio
    Dany

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eh già.. solo che le nuove generazioni, le vedo per lo più viziate e straviziate ancor più della mia.. staremo a vedere!!! buona giornata :)

      Elimina
  8. Le tue riflessioni sono sacrosante ed è in linea con il mio personale pensiero su questo paese.
    La gente perbene in giro c'è, non se ne trova tanta ma c'è, anche se è occupata a rimanere a galla, e suo malgrado a vivere sulla scia di gentaglia furba conclamata e patentata, ma giusto per rimanere a filo d'aria e non sprofondare nella melma quotidiana. Non c'è scampo se non la fuga a gambe levate. Chi può farlo. Se non ti dispiace segnalo questo tuo post su FB. Le tue parole meritano di essere divulgate tra la gente che conserva ancora un minimo di dignità.
    Saluti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. grazie MaryA! sono contenta di non esser la sola ad avere questi pensieri.. purtroppo siamo una minoranza.. comunque condividi senza problemi , anzi, grazie per fare ciò!

      Saluti a te :)

      Elimina
  9. ciao ti ho conosciuta tramite il party dell'amicizia e mi sono unita ai tuoi lettori. complimenti per il blog. se ti va passa da me http://manidifatacreazioni.blogspot.it/
    https://www.facebook.com/pages/Mani-di-Fata-Creazioni/112875615569386

    RispondiElimina
  10. Hai proprio ragione. Il problema siamo anche noi, critichiamo ma poi magari chiudiamo un occhio se non ci fa fattura qualcuno così da risparmiare qualche euro. Purtroppo il senso di frustrazione per una classe politica degenere e indecente ci convince che siamo autorizzati anche noi a sbagliare nelle piccole cose perché vittime del sistema. Però sono certa gli italiani siamo anche noi, che non perfetti crediamo comunque che il nostro paese si possa riprendere, a partire dalla sua storia e cultura.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grande Enri !! anche tu centri il mio pensiero.. come si suol dire pochi ma buoni :-)!

      Elimina
  11. Io ci lavoro in quest'Italia di opportunisti e di politici incapaci e ti assicuro che tenere duro sta diventando difficile.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lo immagino Kylie! più "cresco" più ho maggiore consapevolezza di ciò che abbiamo intorno e ci circonda...

      Elimina
  12. Ciao sono simona ho conosciuto il tuo blog grazie al link party di LOLA tua nuova follower se ti va passa a trovarmi http://simofimo.blogspot.it/...complimenti per il tuo blog molto interessante!

    RispondiElimina
  13. Belle riflessione cara!

    http://www.cultureandtrend.com/

    RispondiElimina
  14. ho visto su rai 3 il programma sulla camorra, mafia, andrangheta......
    quì sono loro che comandano, difficile migliorare quando questi sono dentro le istituzioni!
    noi italiani abbiamo la colpa , forse, di lamentarci tanto , ma poi fare spallucce e dare la colpa ad altri......
    ma come sappiamo, tutto il mondo è paese....ognuno ha i suoi!
    il peccato è che potremmo essere uno dei paesi più ricchi, abbiamo un sacco di risorse, gente con una grande testa, il cibo degli dei, la moda, l'arte , la cultura.....ma stiamo svendendo tutto!
    troppa.....troppa corruzione!
    e forse troppa libertà di fare quello che si vuole senza essere puniti!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. esatto. Potremmo essereuna potenza, invece eccoci qui!

      Elimina
  15. Ciao! se passi da me ho un premio per te ^_^ ti lascio il link http://ricettefuorifuoco.blogspot.it/2013/09/tanti-premi-grazie-mille-tutti.html

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :):) passo al più presto!!!

      Elimina
  16. Io mi sono fermata alla visione dell'italiano medio come uomo da cestinare ma direi che la visione più ampia è ancora più deprimente. Poveri noi!

    RispondiElimina
  17. com'è che diceva kennedy?? l'italiano medio se ne frega di quello che lui può fare per il suo paese ma sta bene attento a sfruttare fino all'ultimo tutto quello che può. e chi non si adegua ne paga le conseguenze! sarà che leggo questo post proprio oggi alla vigilia di un voto di fiducia, ma non posso che essere d'accordo (purtroppo) con te!

    RispondiElimina
  18. D'accordo con te, ma non con chi leggerà e penserà che hai ragione, salvo poi fregare sull'Isee o applaudire il voto di fiducia ad una governo che non abbiamo votato.
    La soluzione? Ho appena comprato casa ma vorrei tanto non averlo fatto e scappare via.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Condivido con te Mamma Avvocato! quando si comincia a creare il proprio futuro, acquistando una casa, o iniziando un percorso lavorativo importante che inevitabilmente ti lega al territorio è davvero un guaio.

      Elimina
  19. E' quella parte d'Italia che ti fa venir voglia di andartene altrove!
    Grazie a Lucia che mi ha dato l'opportunità di leggere questo post e grazie a te per averlo segnalato, ci si potrebbe scrivere un libro!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Mamma Piky! Grazie della visita:) purtroppo si, è solo un libro da scrivere e compilare compilare.. Ce ne sono troppe da scrivere.. E chissà tutto quello che non sappiamo!!!

      Elimina
  20. Quando mio padre ( classe 1920, ancora abbastanza lucido ... ) diceva che il problema dell'Italia sono gli italiani, credevo fosse perchè era stufo marcio del lavoro ed era ora della pensione ... adesso capisco ... non era la pensione ... era l'esperienza di vita maturata. La penso come lui, ho cominciato a pensarla come lui almeno dieci -quindici anni fa. Si, una parte degli italiani fa venir voglia di andare altrove ... ma non riusciamo a cacciare via loro ( metaforicamente parlando, ovviamente ... riprendendoci l' Italia dei corretti, degli onesti e di quelli che non piangono per niente, non si lamentano per tutto ed hanno voglia di lavorare? ) ????

    Ciao!

    Lalla

    RispondiElimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Popular Posts

Follow by Email

Instagram