Amsterdam consigli di viaggio

La Casa di Anne Frank ad #Amsterdam

venerdì, gennaio 24, 2014Daniela M

Continuo a ripetermi quanto sia bella Amsterdam dopo averla visitata lo scorso anno.
E' incredibile come una città ti possa stupire a tal punto da piacerti sempre più....

Se mi domandassero dove mi trasferirei all'estero risponderei senza esitazione ed a gran voce : AMSTERDAM !

Sono stata rapita dalle abitazioni tipiche, con i mattoni color rosso scuro a vista, i canali così romantici e l'atmosfera dal sapore di "casa".
Trovo sia La nazione più ospitale in cui sono stata.
E poi, la possibilità di girare in bici circondata dai mulini a vento e fermarsi per un break assaporando un panino caldo o un dolcetto tipico... mmmm.. che bontà!!!

Se siete in procinto di recarvi ad Amsterdam, avrete l'imbarazzo della scelta su quale museo visitare.

Personalmente mi ha colpito in modo particolare la Casa di Anne Frank.

Casa di Anna Frank-Amsterdam





Ci siamo fatti una coda di un'ora, ma li ha valsi tutti.

Proprio per esperienza personale vi consiglio di acquistare in anticipo i biglietti per i vostri musei attraverso Ticketbar, in modo da evitare fastidiose cose ed ottimizzare i tempi di visita.


La casa di Anne Frank si trova in Prinsengracht 263-267, all'interno del quartiere ebraico, caratterizzato da viuzze più strette rispetto al resto della città che sfociano nel Nieuw Markt, antico cuore pulsante della zona.

Il costo del biglietto è di 9,50€.
Si viene muniti di audio guide e si comincia il tour.
Il nascondiglio si trovava al 3 piano dell'azienda che li ospitava, la Opekta, separato dal resto dell'edificio attraverso una porta/libreria.
Qui, vivevano otto persone ( due famiglie ), aiutate dai dipendenti dell'azienda, che rischiando la vita fornivano loro i generi alimentari necessari alla sussistenza.

Anne Frank, giovane ebrea-tedesca racchiude tutte le sue emozioni ed il quotidiano nel suo diario, un fedele compagno di viaggio in questa terribile avventura che sta vivendo.

I clandestini rimasero nel nascondiglio per più di 2 anni, dal 1942 al 1944 circa, quando, per colpa di una segnalazione, la Gestapo fece irruzione catturando quasi tutti gli stessi.
Moriranno tutti, sparsi nei campi di concentramento dove erano stati spediti come carne da macello, ad eccezione di Otto Frank, padre di Anne e sopravissuto ad Aushwitz.

Al suo rientro in Amsterdam decise di riorganizzare gli scritti di Anne e cominciarne la pubblicazione.

Dalla sua morte, avvenuta nel 1980, il diario originale e le lettere vennero ereditati dall'Istituto Olandese per la Documentazione di Guerra.

Sono rimasta davvero colpita da questa visita .
Mi ha impressionato molto la finestra vicino al bagno...
'unico angolo di luce, unico punto di osservazione per Anne ed i suoi..
cavoli, mi ha fatto rabbrividire!
Cosa hanno combinato i Nazisti..  no comment!

All'uscita ho deciso di acquistare il libro originale di Anna Frank nello shop, credo possa essere un pensiero carino per voi o i vostri cari se amano la lettura.


"Conoscere la storia delle città che si visita permette di calarsi ancor di più nello spirito di essa." 

Senza una visita al Museo di Anna Frank non sarebbe stato lo stesso.

------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Prosegui il tuo viaggio ad Amsterdam e dintorni leggendo :

Diari di viaggio : #Amsterdam - Olanda
#Amsterdam : quando la #bicicletta diventa un must
I mulini a vento nei dintorni di Amsterdam : come arrivare a #Zaanse Schans?

You Might Also Like

25 commenti

  1. Non sono mai stata ad Amsterdam ma mi piacerebbe molto.. sicuramente il museo di Anna Frank è una delle cose da visitare!

    RispondiElimina
  2. mai stata ad Amsterdam... non vedo l'ora però di rifarmi di questa mia mancanza! Il Diario di Anna Frank penso di leggerlo almeno una volta all'anno da quando me l'hanno regalato, in quinta elementare... non dimenticare... deve essere l'imperativo! (poi io sono stata anche a Dachau e Auschwitz-Birkenau!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Te la consiglio, merita! Anch'io sono stata a Dachau, merita, è storia.

      Elimina
  3. Amsterdam mi piacque molto quando ci andai con un paio di carissime amiche...
    Ricordo quanto ci colpì il museo di Anna Frank...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. È decisamente toccante al punto giusto.

      Elimina
  4. Concordo la visita al museo di Anna Frank è assolutamente da fare, pur essendo quasi completamente vuota ha avuto su su di me davvero un forte impatto!

    RispondiElimina
  5. Ho avuto la fortuna di poter visitare Amsterdam qualche anno fa e la casa di Anna Frank è stato un momento particolarmente intenso e significativo della visita alla città. Concordo assolutamente con te.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara :-) vi trovo concordi con il mio pensiero.

      Elimina
  6. Che bello sarebbe visitare questo museo!

    RispondiElimina
  7. Non so se esiste, ma questo tuo post mi ha fatto venire l'acquolina visiva da viaggio che spero sia un fenomeno che presto verrà approfondito da studi scientifici ahauahah. Adoro Amsterdam me la sono regalata per un compleanno di un paio di anni fa e l'ho adorata, sarà che è stata proprio una vacanza relax vissuta al meglio, ne conservo un ricordo stupendo e vorrei tornarci al piu' presto. Ti ho scritto un papiro, ti lascio un abbraccio :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che poi, ormai ho cominciato un papiro e lo devo finire, vedere la casa di Anna Frank e osservare la botola sul soffitto è stata un'emozione molto forte, grande senso di tristezza. Ari-abbraccio

      Elimina
    2. Grazie Vero! Le tue parole sono stupende :-) Amsterdam mi ha sempre affascinato con i suoi canali, così come le città del nord mi hanno sempre incuriosito. Ma dopo che ci sono stata.. Ogni volta che la vedo vorrei tornarci:-) emozionante davvero la casa di Anna Frank!!! Un abbraccio e buona serata :-)

      Elimina
  8. Il Diario di Anna Frank è un libro che ho letto tanti tanti anni fa e mi ha decisamente arricchita.
    Mi piacerebbe tantissimo visitare la sua casa!
    Bellissimo post!
    Sa.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie :-);-) è stata una bella esperienza.

      Elimina
  9. Ciao, sono Dolly e vengo da Kreattiva, mi piacerebbe tanto andare ad Amsterdam, dato che vivo a distanza di 240 km! Mi aggiungo ai tuoi lettori, quando vuoi passa anche da me: amareilmakeup.blogspot.it
    Bye ;)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Dolly! Benvenuta :-) dove vivi?? Fortunata che hai Amsterdam così vicina. Passerò a trovarti appena possibile!

      Elimina
  10. mai stato ad amsterdam anche se devo dire chè una meta che spero di visitare quest'anno.. ho rimandato per troppo tempo :(( In particolare questo museo che ho sentito sempre parlare e letto nei libri di scuola. grazie per averlo condiviso, ciao e buona giornata Andrea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bravo :) mi sembra un'ottima idea, vedrai che rimarrai contento quando la visiterai!

      Elimina
  11. la scorsa settimana ho prenotato il volo aereo proprio per Amsterdam, ma devo aspettare il 1 agosto causa università :(:( sono una tua nuova follower comunque, complimenti per il blog!! :) passa a trovarmi quando vuoi :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ehehehe:) maledetta università !!! vabbè dai, l'attesa renderà il viaggio ancor più bello!

      Elimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Etichette

Viaggi consigli di viaggio Italia Genova Liguria riflessioni Europa viaggi con bambini viaggiare idea-weekend food Germania attualità idea weekend Berlino Diari di Viaggio Hotel Riviera Romagnola Calabria Francia Life Spagna Racconti di viaggio Alluvione Genova Amsterdam Dublino Irlanda Messico Olanda Sicilia Veneto mare rollidays #italiantreasures Acquario di Genova America I vostri racconti di viaggio Mercatini di Natale Scozia Trentino recensioni ristoranti viaggio #ITBMRoma Birreria Budapest Capodanno Comunicazione Edimburgo Emilia-Romagna Fuerteventura Parigi Ungheria dove mangiare a Genova idea-regalo interviste sardegna sostenibilità #bimforkids #invasionidigitali #mercatinocanale #mercatinorango #vadoaviverea Africa Bellaria Igea Marina Canarie Isola d'Elba Lavoro Libri Lisbona Londra Piemonte Portogallo Roma Socialità.entusiasmo Svizzera TAXI GENOVA Toscana assicurazioni di viaggio camillalamiamicia montagna ricordi di viaggio travelbloggersmeeting #gardatrentino Asia Borgo san Giuliano Claviere Corralejo Costa Rica Cracovia Croazia Dachau Djerba Egitto Fabbrica di cioccolato Finale Ligure Glasgow Highlands Ibiza Imperia Kenya Lazio Malosco Marche Maremma Montgenevre Nord Europa Normandia Nuova Zelanda Oceania Oktoberfest Genova Polonia Portofino Praga Prato Nevoso Puglia Repubblica Ceca Riviera Maya Salento Salone Nautico Internazionale di Genova Sharm el Sheik Slow Fish Tulum Tunisia UK Viaggi da sogno Zaanse Schans babywearing crociera essere studenti-lavoratori fiordi i "vostri" viaggi in Scozia i vostri racconti di viaggio in India lifestyle macchine fotografiche mobilità e trasporti rolliambassador

Follow by Email

Instagram