Berlino Europa

Il muro di #Berlino

martedì, ottobre 07, 2014Daniela M


La Germania è un paese che mi affascina.
Precisamente libri, film e documentari riguardanti la storia del periodo nazista mi  hanno sempre  "attratto" e sdegnato, facendomi riflettere a che livelli possa arrivare la crudeltà umana.

Per questo, l'idea di andare a Berlino, mi ispirava da tempo.
Riuscire a vedere con i propri occhi e non attraverso libri di scuola tutti i "monumenti", quei simboli che seppur non condivisibili hanno fatto e sono parte della nostra storia recente, non ha prezzo.

L'impressione che ho avuto a caldo ve l'ho già raccontato in un altro post, ora, dopo 9mesi di tempo ho "rielaborato" a sufficienza pensieri ed emozioni di questa "contrastante" città.

Il muro di Berlino è il simbolo per eccellenza della Guerra Fredda, e della capitale tedesca dopo la Porta di Brandeburgo
( completamente ricostruita post conflitti bellici mondiali ).

Considerando che nel 1989 quando fu "abbattuto", io avevo solo due anni, si tratta proprio di storia contemporanea.




Fin da piccola ho il "vizio" di immedesimarmi nelle situazioni altrui, anche quelle più strane per cercare di capirne i punti di vista. 
( E voi direte? Ma chi te lo fa fare?! Non lo so, sono fatta così ! )

Quanto fu straziante per una città esser divisa in due parti? 

Quante famiglie furono separate da questo gesto folle?

Non lo so, o meglio, lo immagino, ma non voglio sapere.

Proprio la disperazione portava molti a correre verso quel pezzo di cemento rude, 
tentare di scavalcarlo mettendo a repentaglio la propria vita, perché i cecchini erano pronti a sparare.

Il muro di Berlino ha spezzato molte vite.
Troppe.




Tracce del muro si trovano sparse per la città, ma le più significative sono : 

- la East Side Gallery
- il tratto nei pressi di Potsdamer Platz
- i resti vicino alla Topografia del Terrore a Niederkirchnerstraße 8
- il centro di documentazione ed il memoriale del muro in Bernauer Straße 119


La East Side Gallery è il maggior tracciato rimasto ed è considerata ad oggi la più lunga galleria d'arte all'aperto del mondo. 
Consta numerosi murales di artisti provenienti da ogni parte del mondo raffiguranti il tema della pace e della guerra.

Uno dei più famosi è quello raffigurante il bacio fra Erich Honecker e Leonid Brežnev.

La galleria di graffiti prosegue anche nel lato interno lungo la Sprea. 
Qui sotto potete vedere un'immagine scattata da me. 

Questa parte di Berlino mi è piaciuta moltissimo, i colori dei murales, per quanto non ne sia un'amante, sono riusciti a trasmettermi il loro messaggio di forza.

Come sempre è incredibile quanto le cose più semplici siano anche le più immediate a livello di "ricezione" .




Muovendoci in pullman ciò che mi ha colpito di più è la differenza tra la parte ovest e la parte est della città.

Appena abbiamo varcato il confine est, le differenze, anche solo per quanto riguarda le architetture, erano tangibili, gli ampi stradoni, le locomotive che "sbuffavano" lungo la S-Bahn e antichi palazzi dai cortili interni, mi hanno subito portato alla mente i paesi dell'ex-Urss.

Nella zona orientale  ho vissuto la differenza, quel "filo" invisibile di divisione della stessa città.

Perché per quasi 30 anni Berlino ha subito un pesante fardello.

L'idea che ho avuto è che i tedeschi vogliano "dimenticare" tutto ciò che è successo nell'ultimo secolo.
Eppure, nonostante questo, l'aria è diversa e non basterà il tempo a cancellarne il ricordo.

Il confine est ed ovest viene incrociato diverse volte quando si è in giro per la città.




Nei pressi di Potsdamer Platz, oggi importante polo tecnologico di Berlino, ieri territorio desolato di divisione ove sorgeva il muro, si può ammirare anche la ricostruzione di uno dei primi semafori della Germania.

Vi consiglio di non perdere il centro di documentazione storica del muro in Bernauer Straße 119, l'ingresso è gratuito ed è aperto tutto l'anno dal lunedì alla domenica con orario 8.30/18.30-19.00.

Da non perdere infine l'area in cui sorge il centro di documentazione "Topografia del Terrore", ove una volta si trovavano edifici come la centrale della Polizia Segreta di Stato, il comando generale delle SS ed il carcere della Gestapo.
All'interno è d'obbligo fare tappa alla mostra gratuita che ripercorre tutte le tappe di vita del Reich Tedesco, dal suo sviluppo alla sua caduta .
Merita una visita anche l'esterno, dove è possibile ammirare la "quarta" generazione di muro, pesantemente provata dai "picchi del muro" avvenuti una volta che Berlino fu riunificata.

Anche qui l'ingresso è gratuito e si può accedere da lunedì a domenica con orario 10-18.00/20.00 a seconda delle stagioni.

Berlino è una città sempre più aperta al turismo, ed è comodamente raggiungibile tutto l'anno con voli economici dall'Italia. 
Date un occhio ai prezzi di Fly Go.

Essendo molto ampia, vi consiglio di pianificare bene le vostre visite, dando un'occhiata alla mappa dei trasporti della città.


“ Qui sosta in silenzio, ma quando ti allontani parla.”
( epitaffio sulla lapide posta in un giardino di rose a commemorazione dei 20 bambini ebrei trucidati a Neuengamme dai nazisti )



You Might Also Like

38 commenti

  1. Ultimamente mi viene voglia di tornare a Berlino, visto che quando ci sono stata, nel 2001, non era la metropoli all'avanguardia che oggi attira molti giovani, e non mi era piaciuta molto. Vorrei vedere la East Side Gallery di cui parli, non la conoscevo. A me era piaciuto molto il Checkpoint Charlie, mi faceva correre un brivido pensare alle storie vissute in quel punto dove il muro aveva diviso tante persone (anche io mi immedesimo spesso nelle storie altrui, e quando si tratta di storie nella Storia, le emozioni sono sempre molto forti…)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il commento :) Sai, a me Berlino un po' mi ha deluso, ma perchè la aspettavo diversa da come la avevo tanto immaginata.. a distanza di mesi ho rielaborato le mie impressioni e sarei pronta a tornare per vedere quello che mi sono persa, perchè credo di averla capita come città dopo esserci stata e non durante. Si, Checkpoint Charlie è memorabile!

      Elimina
  2. Risposte
    1. Grazie! E' bello ricevere commenti del genere.

      Elimina
  3. Boh.
    A me Berlino non ha convinto...
    Poi magari dipende dalle aspettative

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti capisco. Io avevo troppe aspettative e un po' mi ha lasciato l'amaro in bocca. Dopo un po' di mesi però ho rielaborato i pensieri e trovo sia comunque una città interessantissima dal punto di vista culturale.

      Elimina
  4. Come sempre i tuoi post sono molto interessanti Complimenti! Berlino è una città che mi manca da vedere...spero di riuscire ad andare prima o poi

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Elisa! Lo sai che mi hai fatto un complimento bellissimo?? Sono emozionata!!*-*

      Elimina
  5. Ho moltissima voglia di conoscere Berlino. Speriamo che prima o poi possa andare lì, anche a me mi affascina.
    http://tarragonain.blogspot.com.es

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero col cuore per te, si tratta di storia che non si dimentica.

      Elimina
  6. Proprio in questi giorni stiamo scrivendo anche noi, finalmente, un post su Berlino!!
    Berlino ci è piaciuta molto, anzi troppo! infatti contiamo di ritornarci al più presto!!
    Un abbraccio!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vengo a leggere le vostre impressioni allora :-)

      Elimina
  7. Il nazismo è un argomento che interessa anche a me e alo stesso tempo lo detesto. Di Berlino parlano bene tutti.

    Buona giornata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Appassionata anche tu di quel terribile periodo storico?? :-) Buona serata Kylie!

      Elimina
  8. Berlino non l'ho mai vista come città, ma la Germania mi piace: sono stata a girovagare per un paio di settimane nella zona della Foresta Nera e me ne sono innamorata!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Quella zona non l'ho mai vista, ma mi ispira moltissimo.. ora ancor di più visto che me lo confermi!!

      Elimina
  9. Anche a me Berlino ha fatto questa impressione: una città che vuole dimenticare una storia dolorosa che però continua a venire a galla! Bellissimo post :)

    RispondiElimina
  10. Io avevo 19 anni allora, ricordo le prime mazzate date al muro, la foga delle persone nell'abbatterlo. E' stato un momento indimenticabile, triste e doloroso.
    Non sono mai stata in Germania, ma ho letto tanti libri sul nazismo e sempre con orrore

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già. Con che crudeltà si possono fare certe cose..

      Elimina
  11. Siamo stati a Berlino e ci è piaciuta davvero tantissimo.
    L’abbiamo preferita a Londra, e pensare che sono entrambe città enormi.
    Berlino secondo noi è a misura d’uomo, è avanti, è giovane, fresca, brillante, da molto spazio ai giovani, è creativa e piena di arte contemporanea.
    Ma a Berlino c’è anche molta storia, è davvero ricca di storia e troviamo che le due cose si mescolino molto bene.
    Alcuni amici ci avevano portato in alcuni locali della “Berlino Est” e cavoli se si vede la differenza! Il quartiere era diverso, la gente era diversa.
    Berlino per noi rimane una gran chicca.
    Sei stata al Tacheles ? Uno dei centri sociali più grandi di Berlino ? Un edificio pazzesco. Li si che danno spazio ai giovani artisti !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No non ci siamo stati.. bisognerà tornare :-) ehehe Io comunque, per quanto ami la "storia tedesca", se devo scegliere preferisco Londra, da sempre è nel mio cuore :-)

      Elimina
  12. Berlino è la mia città preferita! Ci vivrei anche, ma tutti mi hanno detto di provarla d'inverno, prima di decidere...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non so a che freddo sei abituata ma io ci sono stata a Capodanno scorso e.. si congelava!!!!

      Elimina
  13. Adoro Berlino, anche se la trovo malinconica (o forse la amo proprio per questo).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai usato un aggettivo esatto. Si, a tratti è piena di vita, in altri momenti la vedo come una "conchiglia vuota" e desolata.

      Elimina
  14. sto scrivendo a destra e a manca che la germania mi sta attirando a se come una calamita, in questo periodo...
    sarà che mi piace l'idea di questa città mai ferma, ricca di storia, schiava del suo passato, ma capace di farsi perdonare l'orrore con una carica di modernità positiva

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Motivo in più per preparare le valigie e partire??:D

      Elimina
  15. In Germania mi sono fermata a Monaco anche se per lavoro. Ho un fratello che vive ad Hannover ma non ci sono mai andata. Sola non posso e marito non conosce la lingua per cui troppo faticoso passare giornate a fare la traduttrice simultanea visto che fratello non biascica una parola d'italiano. So da amici che Berlino è stupenda ovviamente bisogna viaggiare e vedere senza dirsi cosa o come la vorresti ma lasciarti trasportare da quello che ti viene offerto poi si potrà dire se è paciuta. Grazie del viaggio aufwiedersehen.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te del pensiero Edvige! Che fortuna avere parenti sparsi per il mondo.. avrei una scusa in più per viaggiare!

      Elimina
  16. Molto bello questo post Dany, anche io a Berlino sono andata a cercare i ricordi del muro e della guerra fredda, è sconvolgente... un abbraccio a presto

    RispondiElimina
  17. Ciao, anche questo tuo articolo è molto interessante.... come sempre d'altra parte... Un abbraccio Greta

    RispondiElimina
  18. Bella Berlino, una vera scoperta al tempo..una città dove voglio ritornare. La mia migliore amica è lì proprio ora per lavoro che invidia :-P

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che figata :-) un motivo in più per andarci no??

      Elimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Etichette

Viaggi consigli di viaggio Italia Genova Liguria riflessioni Europa viaggi con bambini viaggiare idea-weekend Germania attualità food idea weekend Berlino Diari di Viaggio Riviera Romagnola Calabria Francia Hotel Life Racconti di viaggio Spagna Alluvione Genova Amsterdam Dublino Irlanda Messico Olanda Sicilia mare #italiantreasures Acquario di Genova America I vostri racconti di viaggio Mercatini di Natale Scozia Veneto recensioni ristoranti viaggio #ITBMRoma Birreria Budapest Capodanno Comunicazione Edimburgo Emilia-Romagna Fuerteventura Parigi Trentino Ungheria dove mangiare a Genova idea-regalo interviste rollidays sardegna sostenibilità #bimforkids #invasionidigitali #mercatinocanale #mercatinorango #vadoaviverea Africa Bellaria Igea Marina Canarie Isola d'Elba Lavoro Libri Lisbona Londra Piemonte Portogallo Roma Socialità.entusiasmo Svizzera TAXI GENOVA Toscana assicurazioni di viaggio camillalamiamicia ricordi di viaggio travelbloggersmeeting #gardatrentino Asia Borgo san Giuliano Claviere Corralejo Costa Rica Cracovia Croazia Dachau Djerba Egitto Fabbrica di cioccolato Finale Ligure Glasgow Highlands Ibiza Imperia Kenya Lazio Malosco Marche Maremma Montgenevre Nord Europa Normandia Nuova Zelanda Oceania Oktoberfest Genova Polonia Portofino Praga Prato Nevoso Puglia Repubblica Ceca Riviera Maya Salento Salone Nautico Internazionale di Genova Sharm el Sheik Slow Fish Tulum Tunisia UK Viaggi da sogno Zaanse Schans babywearing crociera essere studenti-lavoratori fiordi i "vostri" viaggi in Scozia i vostri racconti di viaggio in India lifestyle macchine fotografiche mobilità e trasporti montagna rolliambassador

Follow by Email

Instagram