Italia Maremma

Cosa visitare in Toscana in 3 giorni : guida alla Maremma

lunedì, luglio 25, 2016Daniela M


Se pensate di aver già visto tutto in Toscana, regione fra le più amate dai viaggiatori di tutto il mondo, c'è l'occasione per ricredervi : oltre a Firenze, Siena e Pisa c'è parecchio da visitare, soprattutto se vi interessano i percorsi naturalistici.

In 3 giorni si può esplorare una parte della Maremma toscana
la zona meno popolata dell'Italia continentale, 
caratterizzata dal fascino selvaggio e dalla presenza di antichi borghi che spiccano fra le colline, 
un paesaggio rilassante e piuttosto differente dagli altri splendidi scenari toscani.

È merito de Il Riparo di Capalbio se ho potuto apprezzare le gemme nascoste di questo territorio, poiché i proprietari di questo agriturismo di charme mi hanno consigliato le località più semplici da raggiungere e di maggior rilievo in Maremma.

Il Riparo, inoltre, ha una grande tradizione di ospitalità, poiché i casali in pietra che oggi ospitano l'agriturismo erano in passato un luogo di ristoro per i contadini di passaggio.

Ecco dunque ciò che è possibile visitare  :

Le riserve naturali in Maremma

[ Diaccia Botrona HDR Credits: Jacopo Verrigni https://flic.kr/p/9uAcDt ]

Grazie alla comoda posizione di quest'antica dimora ho raggiunto la riserva naturale di Diaccia Botrona, una delle zone umide più importanti d'Italia.

Si trova fra Grosseto e Castiglione della Pescaia e l'area palustre è visitabile con un tour a bordo di un’imbarcazione, organizzato dal Centro Visite.

La Riserva Diaccia Botrona è nota agli appassionati di birdwatching per i numerosi esemplari di uccelli acquatici che vengono qui a svernare e custodisce al suo interno anche dei resti dell'Abbazia di San Pancrazio al Fango, risalente al medioevo.

Il Centro Visite risiede all'interno di Casa Ximenes, edificio restaurato e provvisto di un sistema multimediale che fornisce molte informazioni utili sulla flora e la fauna presenti nella Riserva. 

Consiglio di recarsi alla Diaccia Botrona in primavera o autunno, periodi più adatti per il clima della zona. Per informazioni sull'area protetta si può consultare questo sito: http://www.parks.it/riserva.diaccia.botrona/.

Talamone e l'acquario di Orbetello

[ Immagine 2 Talamone Credits: Stefano Montagner https://flic.kr/p/7Hp8Mn ]

La seconda tappa del nostro itinerario è Talamone, situato su un promontorio roccioso con vista sulla costa e sul Monte Argentario, si tratta di un borgo di origine etrusca come, del resto, molti altri qui in Toscana.

Fra le fortificazioni più antiche spicca la Rocca aldobrandesca, restaurata e riportata alla sua originaria imponenza, è ricordata peraltro come tappa della spedizione dei Mille a seguito dello sbarco di Garibaldi.

Per concludere la visita consiglio all'acquario della Laguna di Orbetello, uno spazio dotato di 4 sale espositive che consente di osservare da vicino le specie animali che popolano l'area lagunare, fra cui le bellissime tartarughe marine.

Immagine 3 Acquario Laguna di Orbetello Credits: http://www.acquario-posidonia.com/posidonia/immagini_acquario_della_laguna_di_orbetel.htm ]
Capalbio e Scansano

[ Immagine 4 Capalbio - passeggiata sulle mura Credits: ilaria https://flic.kr/p/9A2XJQ ]
Per il terzo giorno l'ideale per esplorare i borghi vicini. 
Capalbio vanta la peculiarità di essere molti rinomata fra i Vip e al contempo non ha mai perso la propria natura, per questo è un gioiello da ammirare con calma.

Una passeggiata attorno alle mura storiche fa comprendere meglio le parole che D'Annunzio dedicò alla città, 
“Sono Capalbio felice, difeso dal leone senese dal quale sono protetto, e da queste prime mura restaurate a proprie spese e dalle altre mura che circondano le prime”
una sorta di lirico proclama della fierezza di Capalbio, 
un borgo accogliente che durante il Rinascimento fu ribattezzato la Piccola Atene in virtù dell'unicità del paesaggio e della presenza di un grande fermento artistico.

I dieci km di spiaggia sono l'attrattiva più ghiotta per chi arriva qui d'estate e desidera conciliare una vacanza culturale con il relax
Qui ci sono stabilimenti balneari attrezzati con ogni comfort, ottimi per trascorrere una giornata fra tuffi nell'acqua limpida e bagni di sole.

Immagine 5 Scansano, veduta del paese, Credits: I, Sailko CC-BY-SA-3.0 (http://creativecommons.org/licenses/by-sa/3.0/) or CC BY 2.5 (http://creativecommons.org/licenses/by/2.5)], via Wikimedia Commons ]

Scansano è sempre stata, la città del Morellino, il pregiato vino DOCG prodotto con uve Sangiovese e Alicante, infatti non a caso qui c'è un Museo della vite e del vino che illustra la lunga tradizione vitivinicola del borgo.

Sin dai tempi degli etruschi qui si coltiva la vite e il Museo ripercorre le tappe che hanno condotto alla nascita dei vini DOC oggi richiesti in tutto il mondo. 
All'interno c'è anche uno spazio dedicato alla degustazione guidata, per imparare a riconoscere le differenze fra le varie qualità di vino.

Testimonianza del passato medievale di Scansano sono le mura, la torre quattrocentesca, la Porta Grossetana e i tre castelli sparsi intorno : il Castello di Montorgiali, costruito nel XII secolo, il Castello di Montepò, recentemente restaurato, e il Castello di Cotone, del quale restano solo dei ruderi.


Il tema comune di tutti questi luoghi in Maremma è l'armonia speciale che li lega, il connubio fra la forza della tradizione e l'attenzione all'ospitalità, un valore irrinunciabile per ogni viaggiatore.


Ci siete mai stati ? 
Fatemelo sapere nei commenti :

You Might Also Like

8 commenti

  1. non conoscevo queste località! la Toscana è piena di angolini deliziosi a me sconosciuti, pensa che ho visitato solo Pisa, Firenze e Lucca!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ottimo allora :) spero che questo post possa esserti utile !!

      Elimina
  2. delle 4 volte che sono stata in toscana finora Firenze l'ho vista di striscio, Pisa niente, Siena un paio di giorni. Ma in Maremma ci sono stata tutte e 4 le volte e ancora non sono stufa e mi manca ancora qualcosa da vedere (i giardini dei tarocchi per esempio e il lago di Burano, o una gita in barca fino al Giglio o Giannutri...troppa roba bella c'è!) . bellissimo anche l'entroterra: Saturnia e le terme, i borghi di Sovana e Sorano e Pitigliano, suggestiva come pochi altri posti.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! A me manca ancora tanto da vedere :) Prima o poi devo andare a Saturnia !

      Elimina
  3. ;)

    Adorei!

    Ótimo domingo!

    Beijo! ^^

    RispondiElimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Popular Posts

Flickr Images

Modulo di contatto