babywearing viaggi con bambini

Baby wearing : la filosofia del portare anche in viaggio

giovedì, novembre 17, 2016Daniela M

Baby wearing significa letteralmente "indossare il bambino".

Si tratta di una filosofia che ha preso sempre più piede negli ultimi anni e trova le sue origini presso le comunità rurali di Africa, Asia, America Latina ed Oceania.

Prevede il contatto "cuore a cuore" tra mamma e bambino al fine di migliorarne il rapporto, creare sempre più bonding (legame di attaccamento ) rispondendo in velocità ai bisogni fisiologici del proprio cucciolo.

Da un eccessiva impostazione rigida del nucleo si è arrivati all'estremo opposto, accontentando il pianto del neonato fin da subito.
Sono stati dunque stravolti i concetti di vizio, capriccio e famiglia in generale .


Il primo contatto con il mondo dei supporti non l'ho avuto da subito.

Tra i regali di nascita della piccola lo scorso anno ho ricevuto un marsupio della Chicco, che complice il peso della bambina, si è rivelato fin da subito scomodo e poco pratico da indossare, tanto da averlo riposto nella scatola e rivenduto giusto qualche settimana fa.

Il vero incontro con il baby wearing
l'ho avuto a novembre scorso con l'inizio del Corso di Danza in Fascia a Genova,
una meravigliosa esperienza con la quale ho potuto unire l'amore e l'attaccamento verso la mia creaura con la possibilità di "tonificarmi" a tre mesi dal parto.
( ( Piccolo appunto, per chi non ha fasce o marsupi vengono forniti ad ogni lezione di danza )

 








Ovviamente si tratta di esercizi semplici ma tosti al tempo stesso
(anche perchè io di danza non me ne capisco nulla, ho sempre giocato a pallavolo ),
ed il bello è che i neonati si rilassano perchè coccolati a ritmo di musica restano attaccati alle proprie mamme.

I supporti esistenti sono davvero molti, fasce elastiche, rigide, mei tai, manduca ecc..


Il mio primo approccio è stato col mei tai, più semplice come legatura rispetto ad una fascia, tanto che guardando un video su youtube, dopo averlo fatto con la maestra a lezione un paio di volte, ho imparato da sola.

Vi consiglio comunque di rivolgervi alle Consulenti del Portare ed alle Fascioteche della vostra zona, poichè sapranno indicarvi e guidarvi verso il supporto che più si adatta a voi e al bambino.

Dopo due mesi di corso di danza ho deciso di acquistare un MANDUCA, rigorosamente online, risparmiando un pochino, e devo dire che sono soldi davvero ben spesi.

( Vi consiglio di acquistarlo su Amazon per risparmiare un pochino ).

Faccio una premessa,
non sono una di quelle mamme che ha tenuto la figlia solo ed esclusivamente nel marsupio,
trovo però che sia stato ed è tuttora, finchè le mie spalle reggeranno, un ottimo supporto per "trasportare" la bambina da casa alla macchina e viceversa o nei tratti a piedi, e soprattutto quando era piccolina un ottimo metodo per spostarsi velocemente dalla macchina al supermercato senza tirar giù passeggino e quant'altro.

Personalmente ho sempre amato mixare col passeggino, perchè non volevo che la bimba prendesse il "vizio" di stare troppo in braccio.

Mamme di oggi non ditemi di tutto :-)
ma non sono completamente d'accordo su queste nuove teorie per le quali i bimbi vanno sempre presi in braccio per ogni verso, non vanno mai lasciati piangere ecc.. secondo me si è arrivati ad un'esagerazione completa..

Prima forse si era troppo rigidi, oggi troppo lascivi.
E il rischio è quello di creare dei giovani adulti senza rispetto che danno tutto per scontato.
Ma questo è il mio personalissimo pensiero. 
Secondo me la "verità" sta nel mezzo.

Io nel dubbio mi lascio guidare dall'istinto, ed è quello che consiglio a tutte voi mamme che mi state leggendo.
Ogni mamma sa quale è la cosa migliore per il proprio figlio.

Alcune caratteristiche del supporto che ho scelto :
E' prodotto con materiali ecologici, anallergici e dermoprotettivi, garantendo così una seduta perfetta per il bebè ed il massimo comfort per chi lo porta. E' ideale per portare bambini dalla nascita fino ai 20 kg, Manduca é infatti provvisto di un comodo riduttore per neonati, consigliato fino ai 4 mesi circa; da quell'etá in poi, é possibile usarlo senza il riduttore.
I bambini possono esser portati sul davanti, sulla schiena, ma anche sul fianco.
La larghezza della seduta é studiata per favorire la corretta posizione, cosidetta "a M" o "a ranocchio" del bambino, con le ginocchia piú in alto delle anche e la schiena morbidamente curva per ammortizzare perfettamente le sollecitazioni della camminata.

Detto ciò io posso dirvi che il Manduca oltre ad esser comodissimo per le situazioni sopra elencate. rapido e veloce da mettere, si è rivelato un valido alleato in viaggio.
 

Perchè?

- Ci sono luoghi che è impensabile ( se il bambino non cammina ancora ) esplorare col il passeggino.
  Grazie ad esso ho deciso questa estate di salire sull'Etna, precisamente fino ai Crateri Silvestri
  1.900 mt di altitudine ( oltre non era possibile perchè è sconsigliato nei bimbi piccoli superare in
  fretta determinati livelli di altitudine ), portando con me la piccola Leila.
  Ed è stata una bellissima esperienza!
  Non mi sono lasciata intimorire e con il cucciolo nel marsupio abbiamo "scalato" tutti i crateri.

Io e Leila sull'Etna

- Il marsupio concilia il sonno dei bimbi, ed infatti tutti i giorni in spiaggia a metà mattinata e inizio pomeriggio facevamo una bella passeggiata sul bagnasciuga, il risultato ?
La piccola si addormentava cullata dal rumore del vento e del mare, dopodichè la stendevo a riposare sull'asciugamano e noi a prendere il sole.

Io e Leila in spiaggia

Sarà che abbiamo abituato fin da piccola nostra figlia ad andare e stare ovunque ( c'è chi si "stupiva" del fatto che facessi dormire una bambina di 11/12 mesi sul telo mare ) ma ho ricevuto molti "complimenti" in primis per come era educata la bambina ( pur essendo così piccola ) e in secondis per la disinvoltura con cui la sto tirando su.

Lo ammetto, sono una di quelle mamme che non ha troppe ansie..
e credo sia una fortuna,
perchè a mio avviso una mamma "tesa" trasmette questa agitazione al figlio rendendolo più nervoso.

Sarà per questo che Leila è così tranquilla come bambina?
Non lo so.

Di sicuro tra gli "strumenti" che consiglierei vivamente ad una neo mamma c'è il manduca, o supporto ergonomico che meglio le si addice.


Che ne pensate?
Ditemi la vostra .-)

You Might Also Like

2 commenti

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Etichette

Viaggi consigli di viaggio Italia Genova Liguria riflessioni Europa viaggi con bambini viaggiare idea-weekend food Germania attualità idea weekend Berlino Diari di Viaggio Hotel Riviera Romagnola Calabria Francia Life Spagna Racconti di viaggio Alluvione Genova Amsterdam Dublino Irlanda Messico Olanda Sicilia Veneto mare rollidays #italiantreasures Acquario di Genova America I vostri racconti di viaggio Mercatini di Natale Scozia Trentino recensioni ristoranti viaggio #ITBMRoma Birreria Budapest Capodanno Comunicazione Edimburgo Emilia-Romagna Fuerteventura Parigi Ungheria dove mangiare a Genova idea-regalo interviste sardegna sostenibilità #bimforkids #invasionidigitali #mercatinocanale #mercatinorango #vadoaviverea Africa Bellaria Igea Marina Canarie Isola d'Elba Lavoro Libri Lisbona Londra Piemonte Portogallo Roma Socialità.entusiasmo Svizzera TAXI GENOVA Toscana assicurazioni di viaggio camillalamiamicia montagna ricordi di viaggio travelbloggersmeeting #gardatrentino Asia Borgo san Giuliano Claviere Corralejo Costa Rica Cracovia Croazia Dachau Djerba Egitto Fabbrica di cioccolato Finale Ligure Glasgow Highlands Ibiza Imperia Kenya Lazio Malosco Marche Maremma Montgenevre Nord Europa Normandia Nuova Zelanda Oceania Oktoberfest Genova Polonia Portofino Praga Prato Nevoso Puglia Repubblica Ceca Riviera Maya Salento Salone Nautico Internazionale di Genova Sharm el Sheik Slow Fish Tulum Tunisia UK Viaggi da sogno Zaanse Schans babywearing crociera essere studenti-lavoratori fiordi i "vostri" viaggi in Scozia i vostri racconti di viaggio in India lifestyle macchine fotografiche mobilità e trasporti rolliambassador

Follow by Email

Instagram