Dachau Germania

Il campo di concentramento di Dachau e la Giornata della Memoria

venerdì, gennaio 27, 2017Daniela M

La neve cade silenziosa intorno a noi.


Tutto è candido, bianco ed immacolato.

Tranne cuore e mente che analizzano tutto quello che mi circonda.

I passi dei miei stivali sulla coltre di neve mi accompagnano in questo viaggio ai confini dell’umanità.

Il cancello nero con la scritta “Arbeit macht frei”( cit. dal tedesco “ il lavoro rende liberi” ),
 incombe davanti a me all’inizio del percorso di visita.

Il rumore del silenzio è fragoroso ed assordante a testimonianza di un passato incancellabile.

Ma soprattutto una forma di rispetto per tutte le vittime innocenti del massacro consumato negli anni dell’Olocausto.  

Perché certi orrori non devono esser dimenticati, mai.

Ormai sono passati 12 anni quasi da quella visita a Dachau.
Una gita educativa che non poteva far altro che riaffiorare nei cassetti della mia mente oggi, 27 gennaio 2017, Giornata della Memoria.

Sono anni che desidero scrivere questo post, e nonostante sia passato un bel po’ di tempo,
le emozioni sono sempre fresche, e non faticano a trapelare sulla tastiera.

 UN PO' DI STORIA
Il campo di concentramento nazista di Dachau fu aperto il 22 marzo 1933 su iniziativa di Heinrich Himmler, con una decisione presa appena un mese dopo la salita al potere di Hitler (30 gennaio 1933).
Il campo venne posizionato nei pressi della cittadina di Dachau, a circa 16 km a nord-ovest di Monaco di Baviera, nel sud della Germania.

Fu il primo di tutta la Germania.

Il lager sfruttò inizialmente i locali dell'ex fabbrica di munizioni in disuso, la Königlichen Pulver - und Munitionsfabrik Dachau, edificata durante la prima guerra mondiale. 

Dal 1936 al 1938, demolita la fabbrica, grandi lavori, eseguiti dai prigionieri, ampliarono il campo di Dachau portandolo alla forma attuale;

Il lager in se stesso, con le baracche dei prigionieri, formava un rettangolo di circa 300 x 600 m, il terreno era paludoso, e non era certo adatto alla salute dei prigionieri.

« Il campo di concentramento di Dachau fu l'unico ad esistere per tutti i 12 anni del regime nazista. Nei primi anni della dittatura fu il più grande ed il più noto dei campi di concentramento, ed il suo nome divenne ben presto sinonimo di paura e di terrore in tutta la Germania. »

Era diviso così :

-  Zona alloggi per i prigionieri, 34 grandi baracche divise in due file da un lungo viale alberato 
   
- Alloggiamenti SS

- Il Bunker con le prigioni

- Depositi e rimesse per veicoli

- Zone agricole con fattoria

- Campo di tiro

-  Zona dei forni crematori

Vi consiglio di fare un tour virtuale per immergervi nelle condizioni disumane che i prigionieri hanno dovuto sopportare, 
lo trovate sul sito del memoriale di Dachau.


Essi venivano impiegati per incarichi di lavoro anche fuori del campo, e questo coinvolse sia singoli individui che migliaia di prigionieri, a seconda delle esigenze.
Talvolta gli interventi esterni, se i detenuti avevano anche un posto dove stare, fecero sorgere strutture secondarie, i sottocampi.
Al comando di questi, se le dimensioni lo permettevano, vennero chiamati anche prigionieri con incarico di funzionari.


All’interno mi sentivo vuota, 
incredula e sorpresa di quanta meschinità può esser capace l’uomo.

Esser stata nelle baracche ( ricostruite ),
immaginare donne,
bambini ed uomini vestiti leggeri, senza calze, con quel freddo intenso, in condizioni igieniche disumane,
ha lasciato il segno dentro di me.

La mia anima si è impietrita quando a passi lunghi nella neve abbiamo raggiunto le antiche camere a gas ed i forni crematori.

Davvero, non ci sono parole esatte per descrivere le sensazioni provate.

L’unica cosa che mi pare di sentire ancora,
 è il tonfo leggero della neve che cade, 
fredda e ghiacciata,
come a voler cancellare tutta l’atrocità del luogo .

Nel 1965, il campo di Dachau in parte venne ricostruito, grazie alla volontà di una parte dei sopravissuti, e aprì i battenti ai visitatori.

L’ingresso è libero, all’interno si possono prenotare visite guidate di gruppo, singole o prenotare delle audoguide.
Noi avevamo scelto l’ultima opzione.

Ho potuto girare in autonomia l’area, e sono riuscita a “rifugiarmi” nei miei pensieri.

Per info e costi consultate il sito ufficiale :  https://www.kz-gedenkstaette-dachau.de

Orari di Apertura del Memoriale ex campo di concentramento
Alte Römerstraße 75
85221 Dachau
Apertura giornaliera dalle 9 alle 17  

Disclaimer
Immagini prese dal web, purtroppo le poche che ho sono veramente inutlizzabili

You Might Also Like

2 commenti

  1. Anch'io sono stato a Dachau tanti anni fa, ma ancora ricordo bene l'effetto che ho sentito nel vedere quella realtà inimmaginabile!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Già, ogni anno le stesse sensazioni che riaffiorano.. pazzesco.

      Elimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Etichette

Viaggi consigli di viaggio Italia Genova Liguria riflessioni viaggi con bambini Europa viaggiare idea-weekend food Germania Hotel attualità idea weekend Berlino Diari di Viaggio Riviera Romagnola Spagna Calabria Francia Life Racconti di viaggio Acquario di Genova Alluvione Genova Amsterdam Dublino Irlanda Messico Olanda Sicilia Veneto mare rollidays #italiantreasures America Emilia-Romagna I vostri racconti di viaggio Mercatini di Natale Scozia Trentino recensioni ristoranti sardegna viaggio #ITBMRoma Birreria Budapest Capodanno Comunicazione Edimburgo Fuerteventura Parigi Roma Ungheria dove mangiare a Genova idea-regalo interviste sostenibilità #bimforkids #invasionidigitali #mercatinocanale #mercatinorango #vadoaviverea Africa Bellaria Igea Marina Canarie Isola d'Elba Lavoro Lazio Libri Lisbona Londra Piemonte Portogallo Socialità.entusiasmo Svizzera TAXI GENOVA Toscana assicurazioni di viaggio camillalamiamicia montagna ricordi di viaggio travelbloggersmeeting #gardatrentino Asia Borgo san Giuliano Claviere Corralejo Costa Rica Cracovia Croazia Dachau Djerba Egitto Fabbrica di cioccolato Finale Ligure Glasgow Highlands Ibiza Imperia Kenya Malosco Marche Maremma Montgenevre Nord Europa Normandia Nuova Zelanda Oceania Oktoberfest Genova Polonia Portofino Praga Prato Nevoso Puglia Repubblica Ceca Riviera Maya Salento Salone Nautico Internazionale di Genova Sharm el Sheik Slow Fish Tulum Tunisia UK Viaggi da sogno Zaanse Schans babywearing crociera essere studenti-lavoratori fiordi i "vostri" viaggi in Scozia i vostri racconti di viaggio in India lifestyle macchine fotografiche mobilità e trasporti rolliambassador

Follow by Email

Instagram