Africa consigli di viaggio

Sharm el Sheik : istruzioni per l'uso

martedì, maggio 13, 2014Daniela M


Sharm el Sheik è uno di quei posti talmente gettonati che non mi ha mai entusiasmato più di tanto.
Poi arrivano le ferie e..
prenoti il tuo primo viaggio in terra egiziana, contenta certo,
anche se Luxor, le Piramidi e la Sfinge ti affascinavano molto di più.

Si, perchè Viaggiare per me non è solo relax, ma è anche conoscenza del luogo che ti ospita .

Una volta arrivati al villaggio la prima cosa da fare è vedere il mare.

Questo azzurro chiaro che si accende di tonalità in tonalità diventando di un blu acceso
mi ha tenuto col fiato sospeso.

Una delle mie prime immagini scattate in Egitto.

Sharm el Sheik

Con un mare così non si può che mollare l'asciugamano nella prima sdraio libera (cosa non facile peraltro) e correre in acqua.
Il mare vicino alla spiaggia è tendenzialmente calmo e caldo.
 Per fortuna si può arrivare oltre la barriera corallina ed immergersi nell'acqua fresca, profonda e silenziosa del Mar Rosso.
 Fare snorkeling è d'obbligo, vi consiglio di portarvi già da casa un set compreso di pinne, maschera e boccaglio, nonchè ciabattine chiuse per proteggervi dai coralli.
Se non li avete potrete affittarli in loco, ma ovviamente i costi cambieranno.
Sott'acqua è un paradiso
Pesci di tutti i colori, murene, si insinuano tra i coralli e non avranno paura di passarvi vicino, anzi.
E' un peccato che il turismo di massa abbia rovinato molte parti di barriera corallina rendendola grigia e priva di vita.


Mar Rosso - Sharm el Sheik

 Le località sul Mar Rosso sono bene o male frequentabili tutto l'anno, tendenzialmente viste le temperature elevate sono preferibili nei mesi da marzo a giugno e da settembre a novembre.
Anche se io, in controtendenza, ci sono stata ad agosto ( purtroppo le ferie capitano in quel periodo ) e devo dire che essendo un caldo secco si sopporta bene.
Nel dubbio mi sono divertita molto a giocare a beach volley tutto il tempo ;)



I miei consigli per un viaggio a Sharm el Sheik :
  • In posti come questi conviene fare la fotocopia del passaporto e chiudere l'originale in valigia/cassaforte.
  • Evitare di mangiare cibi che contengano acqua locale ( frutta e verdura ).
  • Non bere mai l'acqua del rubinetto e fare attenzione quando ci si lava i denti.
  • Portare con se fermenti lattici e inizare un reintegro della flora intestinale già prima del soggiorno.
  • Avere una buona protezione solare.
  • Non dare troppa confidenza ai locali, che spesso in giro per "avvicinarti" si inventano le scuse più strane come quella del " ehi, ti ricordi di me? sono il cuoco del villaggio, seguimi che ti faccio vedere io il posto"..
  • Comprare una scheda telefonica egiziana perchè le tariffe sono inavvicinabili.
  • Ricordare l'adattatore di corrente.
  • Siate mattinieri! Il sole sorge presto, ma tramonta altrettando presto, intorno alle 17.00, 17.30 comincia a calare, se volete godervi le giornate appuntate la sveglia.
  • Evitate le escursioni con il giro nelle tende beduine : sono finzioni. Piuttosto recatevi nell'isola di Tiran o nel Parco naturale marino di Ras Mohammed . E mi raccomando contrattate! Le escursioni sono sempre quelle, perciò valutate più operatori prima di cadere nelle mani del "furbo" di turno che vi farà pagare di più.

Sharm el Sheik è la meta ideale per chi vuole staccare la spina e rilassarsi, facendo una settimana di sole e mare.

Se si decide di girare senza guida consiglio gli spostamenti in gruppo, si è meno presi di mira dai venditori ambulanti come a Naama Bay ( luogo che non mi è piaciuto e mi è bastato starci poco tempo per non volerci più tornare ).

 Perchè allora, direte voi con tutti questi ammonimenti, si va a Sharm el Sheik ?

Ma soprattutto, cosa ti lascia al tuo riento ?

Sharm è una delle mete a corto raggio invase dagli italiani, che occupano un 70% circa della quota turisti locale, inoltre non dimentichiamo che in certi periodi offre soggiorni ad ottimo prezzo.


Narghilè a Sharm el Sheik

Personalmente quello che mi è piaciuto non sono i  lustri e la finzione dei villaggi, dei centri commerciali o di località come Naama Bay.

No.

Quello che mi ha lasciato dentro questo pezzo di terra a confine tra Africa ed Asia è il silenzio assordante del suo deserto.


Il contrasto tra cielo e mare, una linea quasi invisibile e precepibile solo all'orizzonte.

Ecco allora che i miei ricordi più belli prendono vita qui,
sotto un cielo stellato e illuminato solo dal chiarore della luna e delle lampade intorno a noi.





Un profumo di narghilè che si sparge nell'aria,
musica etnica in sottofondo,
un tramonto da cartolina proprio come in questa foto.

Questo è l'Egitto che ho conosciuto e che voglio ricordare,
nell'attesa di visitare la Valle dei Re.



Tramonto a Sharm el Sheik

You Might Also Like

22 commenti

  1. Che bel post! Non sono mai stata attratta più di tanto da questa meta perché l'ho sempre considerata molto turistica, ma devo dire che sto cambiando idea :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie cara :) secondo me escluse certe cose scritte nel post l'Egitto offre scorci mozzafiato e una natura splendida, perciò merita di esser visitato, sapendo ahimè che certi luoghi sono solo specchi per le allodole come Naama Bay. Basta prendere il lato autentico dell'Egitto e ti colpirà!

      Elimina
  2. sono così d'accordo!
    Io dico sì all'Egitto.
    Sono stata a Marsa Alam ed è stata una gran bella esperienza.
    Tornerei anche subito.
    Lo snorkeling, le baie, l'Antica Tebe, la Valle dei Re. Tutto meraviglioso.
    Un abbraccio Dani!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Andiamo sullo stesso binario Manu! Tra natura e storia l'Egitto ti sorprende e ti cattura :-) si, alla prossima una bella crociera sul Nilo non me la leva nessuno :-) buona serata !!

      Elimina
  3. non sono mai stata in Egitto ma sicuramente merita una visita.. anche io sono più attratta dalle piramidi.. ma un bel soggiorno rilassante a sharm non guasterebbe nessuno :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. decisamente hai preso nel segno il mio pensiero :) quindi .. diciamo si all'Egitto !

      Elimina
  4. Eh, non e' solo colpa dei turisti se muoiono i coralli. I cambiamenti climatici li stanno uccidendo dappertutto.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Certo Silvia, hai ragione. Il clima pazzo (dovuto sempre all'inquinamento umano) non facilita gli ecosistemi, figuriamoci quello delicato dei coralli.
      Però ti assicuro che ho visto un menefreghismo assurdo e tantissima spazzatura gettata in mare. Bisognerebbe esser persone più civili.

      Elimina
  5. Mi hai incuriosita...mi accodo a E. che la riteneva una meta molto turistica.
    In realtà è da un po' che anche io voglio andare in Egitto:)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Merita di esser visitato per quello che è in realtà. Se escludiamo le finzioni turistiche è un luogo interessante, fatto di colori, essenze e profumi suggestivi.

      Elimina
  6. Risposte
    1. Mica male :) Fai proprio bene :)

      Elimina
  7. Confesso che Sharm non mi ha mai attirata, tranne ovviamente per il suo mare e la possibilità di fare un ricco e serio snorkeling, magari con foto subacquee, visto che sono foto-dipendente!! Ti auguro presto di conoscere l'Egitto storico, che è veramente fantastico. Io ci sono stata ormai secoli fa, ma ne conservo un vivissimo ricordo. Mi farebbe piacere capire invece perchè Naama bay non va ... ne ho sentito parlare in modo lusinghiero ...
    Adesso vado a leggermi qualcosa d'altro di tuo ...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Lo spero anch'io di visitarlo presto :) Naama Bay è troppo "finta" e onestamente preferisco le cose più naturali, che profumano di storia.. Si tratta di un villaggio costruito nel nulla (come i resort ovviamente) zeppo di negozi e ambulanti che ti chiamano da una parte all'altra.. Non mi ha trasmesso nulla sono sincera :)

      Elimina
  8. Grazie di questo interessante reportage! Buona settimana.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie a te per il passaggio!!

      Elimina
  9. che belle immagini. Personalmente non mi è piaciuta Sharm, è l'unico posto in cui sono stata in vacanza dove non tornerei, mi spiace solo non essere riuscita ad andare a Il Cairo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Queen :) la natura di Sharm, ovvero mare e deserto mi è piaciuto, le cose fittizie no. Mi sarebbe piaciuto fare una scappata nell'Egitto autentico, ma sarà per un'altra volta!!

      Elimina
  10. Adoro l'Egitto, ci sono stata una decina di volte (praticamente una malattia), l'ho girato in lungo e in largo, è stupendo.
    Sharm ce l'ho nel cuore, è un po' di anni che non ci torno ma resta il posto a cui sono più legata. 15 anni fa Naama Bay era una mini-cittadina con le strade sterrate, e c'erano il 10% degli alberghi che ora occupano ogni centimetro sulla costa.

    Se avrai la possibilità di tornare ti consiglio tre luoghi che secondo me sono imperdibili: Siwa (deserto meraviglioso e oasi), Assuan (profondo sud, città con un mercato e un porto stupendi) e Alessandria (città universitaria sulla costa mediterranea).

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Davvero Ciccola ??? Grazie per i consigli, credo proprio che l'Egitto vero sia altro e farò tesoro dei tuoi consigli !

      Elimina
  11. Ottimo post e geazie per i consigli ... ps. Scrivi proprio bene! Al prossimo post ...ciao ciao

    RispondiElimina

:) Grazie per aver commentato! Rispondo sempre con piacere :)

Popular Posts

Follow by Email

Instagram